giovedì 26 marzo 2015

http://accademiauniversitalavorovita.blogspot.it/


Aggiungi didascalia

2 commenti:

Anonimo ha detto...

MASSIMA di Acr e Crv... E' sciocco pensare che si debbano leggere tutti i libri che si comprano, come è piccolo criticare chi compra più libri di quanti ne potrà mai leggere. Sarebbe come dire che bisogna usare tutte le posate o i bicchieri o i cacciavite o le punte del trapano.....che si sono comprate, prima di comprarne di nuove. Nella vita ci sono cose di cui occorre avere sempre una scorta abbondante, anche se ne useremo solo una minima parte. Se, per esempio, consideriamo i libri come medicine, si capisce che in casa è bene averne molti invece che pochi: quando ci si vuole sentire meglio, allora si va verso "l'armadietto delle medicine della mente" (che è la libreria.. del cuore) e si sceglie un libro. Non uno a caso, ma il libro giusto per quel momento. Ecco perchè occorre averne sempre una nutrita scelta! Chi compra un solo libro, legge solo quello e poi se ne sbarazza, semplicemente applica ai libri la mentalità consumista, ovvero li considera un prodotto di consumo, una merce.. come alcuni fanno con i loro conoscenti e amici.. magari senza averli mai.. comprati... ma usati e poi buttati..

Chi ama i libri e la gente, sa che il libro e la persona è tutto fuorché una merce.. come la vita e l'anima!
www.acraccademia.it

Anonimo ha detto...

MASSIMA di Acr e Crv... E' sciocco pensare che si debbano leggere tutti i libri che si comprano, come è piccolo criticare chi compra più libri di quanti ne potrà mai leggere. Sarebbe come dire che bisogna usare tutte le posate o i bicchieri o i cacciavite o le punte del trapano.....che si sono comprate, prima di comprarne di nuove. Nella vita ci sono cose di cui occorre avere sempre una scorta abbondante, anche se ne useremo solo una minima parte. Se, per esempio, consideriamo i libri come medicine, si capisce che in casa è bene averne molti invece che pochi: quando ci si vuole sentire meglio, allora si va verso "l'armadietto delle medicine della mente" (che è la libreria.. del cuore) e si sceglie un libro. Non uno a caso, ma il libro giusto per quel momento. Ecco perchè occorre averne sempre una nutrita scelta! Chi compra un solo libro, legge solo quello e poi se ne sbarazza, semplicemente applica ai libri la mentalità consumista, ovvero li considera un prodotto di consumo, una merce.. come alcuni fanno con i loro conoscenti e amici.. magari senza averli mai.. comprati... ma usati e poi buttati..

Chi ama i libri e la gente, sa che il libro e la persona è tutto fuorché una merce.. come la vita e l'anima!
www.acraccademia.it

B.pioggia e b.mercoledì con b.lav e b.app.